Una grande famiglia: riassunto terza puntata 23 aprile 2012
aprile 26, 2012
Ecco la trama della terza puntata della fiction “Una grande famiglia”, in onda il lunedì in prima serata su Rai Uno. Nel cast, tra gli altri, Stefania Sandrelli, Stefania Rocca, Alessandro Gassman e Primo Reggiani.

Tino (Filippo De Paulis) è convinto che il padre sia vivo e dice alla madre che Edoardo (Alessandro Gassman)  parla con lui. Chiara (Stefania Rocca), preoccupata per il figlio, chiede aiuto a Raoul (Giorgio Marchesi), che lascia la compagna Martina (Valentina Cervi) e il figlio, per correre da lei.

Solo il nonno Ernesto (Gianni Cavina) crede al nipote e, per capirne di più, sottrae a Tino il telefono: è vero che sul suo cellulare arrivano chiamate anonime. Così chiede alla polizia di indagare.

Nel frattempo continuano i contrasti tra Eleonora (Stefania Sandrelli) e Chiara. La suocera non perde occasione per criticarla davanti a tutti: non sa fare nulla, neanche occuparsi dei suoi bambini.

Chiara allora decide di cucinare per tutta la famiglia, ma la cena si rivela un disastro e la donna si sente umiliata quando scopre che Eleonora aveva perfino previsto delle pietanze di riserva.

Per vendicarsi, Chiara organizza alla villa una riunione con le mamme dei compagni di Tino per vendere alcuni dei suoi accessori: oltre a mettere la suocera in imbarazzo, invitando una signora che odia, fa sapere in questo modo all’intero paese delle difficoltà economiche della famiglia Rengoni.

Stefano (Primo Reggiani) scopre la verità sull’incidente: c’era lui alla guida quando è morto il suo migliore amico Gianmarco e s’infuria con Nicoletta (Sarah Felberbaum) quando viene a sapere che l’intera famiglia, tranne lui, ne era a conoscenza. Decide così di andar via di casa e interrompere ogni rapporto con loro.

Anche per Laura (Sonia Bergamasco) non è un momento facile: oltre a farsi carico di tutti i problemi che la famiglia sta attraversando, il figlio Nicolò (Luca Peracino), sospeso per aver colpito un compagno di classe, non vuole più tornare in quella scuola.

All’uscita della scuola Tino scompare. Chiara, disperata, chiama Raoul e insieme si rivolgono alla polizia.

Ernesto manifesta ai familiari la sua teoria: Tino ha ragione, Edoardo non è morto. Ci sono troppe coincidenze: il comportamento strano di Tino, le telefonate anonime al suo cellulare, il buco nei conti dell’azienda, la segretaria che fa sparire dei documenti, ed infine il corpo di Edoardo che non è stato mai ritrovato.

Chiara ha un’idea e con Raoul ed Eleonora si precipita alla casa sul lago: il posto in cui sarebbero andati a vivere un giorno, come Edoardo ha promesso a Tino. Ma anche lì del bambino nessuna traccia.

Poi una telefonata della polizia: Tino è alla terrazza sul lago, dove andava sempre con il padre. Chiara, Eleonora e Raoul si precipitano sul posto e trovano il bambino ma, cosa strana, non c’è alcun poliziotto lì con lui.

Chiara accompagna Raoul alla macchina e in un momento di serenità, il primo della giornata, ricordando i vecchi tempi, i due si baciano.

Se questo post ti è piaciuto e vuoi essere sempre aggiornato su tutte le novità delle migliori serie tv, seguici su twitter: @Tvpuntate e su Facebook: I Love Serie Tv