Un posto al sole: riassunto puntata del 30 marzo 2012
aprile 2, 2012
Dopo l'attentato contro il Centro d'Ascolto Don Nunzio non resterà senza far niente mentre Giulia, a differenza di Angela, non si vuol lasciare intimidire. Tra Rossella e Gianluca la situazione si complica.

Dopo gli spari contro il Centro d’Ascolto Giulia spaventata chiama la polizia. Don Nunzio invece scende in strada per intimare ai ragazzi, ed in particolare ad Alfonso Vitale, di prendersela solo con lui. Ma il fatto di essere sceso a patti con il clan nemico è per Giulia una dimostrazione del fatto che l’ex boss non sia poi così cambiato.

Angela e Franco sentono la notizia dell’attentato alla radio e si allarmano, ma Giulia torna a casa e li rassicura: sia lei che Vintariello stanno bene. La polizia sospetta del clan Vitale, ma sta ancora indagando e nel frattempo aumenteranno i controlli nel quartiere. Per la giovane Poggi il messaggio è chiaro: devono prendersi una pausa con i progetti che il Centro sta portando avanti. Ma Giulia non ha alcuna intenzione di fermarsi e cedere davanti a questo tipo di intimidazioni.

Raffaele, che si sente messo da parte da Renato, tornato a tempio pieno a lavoro ai Cantieri Palladini, con la complicità di Niko, prepara uno scherzo per il dottor Poggi, facendo in modo che si presenti in largo anticipo alla riunione di lavoro e mettendolo in imbarazzo con Ferri.

Tra Gianluca e Rossella le cose non vanno bene. La ragazza rivela ai suoi genitori che teme che il giovane Palladini non voglia neanche presentarsi all’esame di maturità. Ma Silvia la invita a non assillarlo e comportarsi più da ragazza, che da madre. In effetti Gianluca è molto preso dal suo lavoro ma a distrarlo dallo studio si aggiunge anche l’arrivo di alcuni ragazzi spagnoli, che lui si offre di ospitare a casa propria, e senza aver avvertito Guido. Quest’ultimo si rifugerà in alla Casa in Terrazza lasciando Gianluca e Marisol da soli in casa e provocando la gelosia di Rossella.

Don Nunzio Vintariello intanto comunica a Franco di aver preso una decisione: per non mettere in pericolo il nipote Nunzio e per il bene delle persone a lui care lascerà Napoli per il Nord Italia.