Terra ribelle 2: riassunto settima puntata del 19 novembre 2012
novembre 20, 2012
Ecco quello che è successo nelle settima puntata di Terra ribelle, seconda stagione, del 19 novembre 2012.

Il Generale mette i Salineros sulle sue tracce di Andrea, il quale deve affrontare nuovamente il deserto per tornare a Belgrano.

Al Forte, invece, Elena cerca di far ragionare la sorella e le confida di non poter più avere figli e di essere senza l’uomo che ama. Ma Luisa è senza pietà, crede che i ricordi belli si Elena siano già abbastanza per lei.

Nel frattempo, Malagridas si comporta sempre meglio con Giulia,  suscitando ancor di più la gelosia di Luisa.

Tutto quello che è accaduto al Forte ha messo in serio allarme non solo Malagridas, ma anche l’ambasciatore Graves, di stanza a Sarmiento.

A Sarmiento si trova anche Edoardo, che si è salvato grazie all’intervento di Stocchi e Tonali, che gli hanno anche salvato la gamba.

Edoardo non è solo, vicino a lui c’è Chiara, mentre Zifolo riesce a convincerlo a scrivere il telegramma al comando, in attesa di ordini dall’alto.

Andrea riesce a raggiungere Belgrano, mentre Augusta decide di tornare a Buenos Aires, ma Carlos riesce a trattenerla.

Intanto, Stocchi non riesce a rinunciare a sua moglie Sara, pur sapendo che per lei sarebbe meglio andar via con Tonali, decide di commettere un gesto estremo e ucciderla con il veleno prima di farla finita anche lui con lo stesso sistema.

I Salineros hanno trovato la via che porta al villaggio di Painè, allora, il capo-villaggio fa trasferire donne, vecchi e bambini in un luogo più protetto: gli uomini con Jacopo partono, invece, per il Forte per affrontare il Generale.

La notizia del ritrovamento del sentiero che porta al villaggio viene riportata al Generale da Nico, che vuole a tutti i costi l’aiuto di Luisa e del Generale per impossessarsi di Belgrano e di Isabella.

Il Generale pensa di mantenere l’ordine con la forza  e uccide molti Salineros con la sua nuova arma: la mitragliatrice.

Anche Andrea si prepara a partire e saluta Isabella, mentre, a Buenos Aires, l’alto Comando argentino decide di inviare truppe a Sarmiento contro Malagridas. Anche Andrea raccoglie uomini, convincendo gli italiani di Sarmiento.

Al Forte, Malagridas si prepara a resistere, ma non intende accogliere il suggerimento di Luisa di far saltare in aria il Forte, la miniera, per far scomparire tutte le prove.

Alla fine, Luisa sembra avere la meglio: bisogna eliminare le prove, anche i bambini. Panchito, i bambini e Lupo vengono condotti nella miniera e vengono sigillati nella galleria principale. Anche la galleria scavata dai bambini è inutilizzabile.

Lupo manda Panchito a disinnescare le cariche, il bambino ci riesce e riescono a salvarsi.

Nel frattempo, gli indios di Iacopo si uniscono agli italiani guidati da Andrea, mentre si avvicinano i soldati argentini.

Andrea si ripresenta al Forte e chiedere al Generale di arrendersi, è un modo per decidere il modo migliore di attaccare per non incorrere nella minacciosa mitragliatrice: le miniere sono perfette.

Lì Lupo e i bambini rischiano di morire asfissiati: l’uomo non riesce a spostare la lastra di pietra che blocca l’accesso al tunnel scavato dai bambini.

Iacopo e Andrea decidono di attaccare la mattina dopo all’alba e Iacopo decide di non rivelare al fratello di poter essere il vero padre di Giulia.

È il momento della battaglia, durante gli scontri muore il capo dei Napuche, il padre di Painè. Elena confeziona una rudimentale molotov e riesce a fare entrare gli uomini di Andrea e Iacopo nel Forte.

Luisa punta una pistola alla testa di Giulia: Elena, Iacopo e Andrea devono fermarsi, non hanno altra scelta.

Iacopo si sacrifica per Giulia,  morendo tra le braccia di Elena. Luisa riesce a fuggire con Giulia nella miniera.

Luisa incontra il Generale che rinchiude la donna nella miniera, salvando la bambina, mentre arrivano al Forte i soldati guidati da Edoardo.

La miniera salta in aria e tutti pensano che anche Giulia sia morta. Lupo decide di unirsi agli indios, mentre Andrea ed Elena, con Edoardo, Chiara, Tonali e Sara, vanno a Belgrano.

Ora che Giulia non c’è più Elena è pronta a rinunciare ad Andrea, anche perché non potrà dargli un figlio maschio, al contrario di Isabella.

Andrea sembra tentato dal pensiero di restare con Isabella, ma la donna gli dice che lui appartiene alla Maremma.

Andrea ed Elena ripartono alla volta dell’Italia: Giulia non è morta, lo sente anche Elena.

L’appuntamento è per l’ottava e ultima puntata in onda domenica 25 novembre alle 21.30 su RaiUno, leggi le anticipazioni.