“Sotto una buona stella”: il nuovo fim con Carlo Verdone e Paola Cortellesi
gennaio 13, 2014
Prodotto dalla Filmauro di Aurelio e Luigi De Laurentiis, "Sotto una buona stella" si avvale della direzione della fotografia di Ennio Guarnieri, che torna con Verdone dopo “Un Sacco Bello”, “Borotalco” e la recente“ Cenerentola” di Rossini in mondovisione, delle musiche di Umberto Scipione e del montaggio di Claudio Di Mauro.

Prodotto dalla Filmauro di Aurelio e Luigi De Laurentiis, "Sotto una buona stella" si avvale della direzione della fotografia di  Ennio Guarnieri, che torna con Verdone dopo “Un Sacco Bello”, “Borotalco” e la recente“ Cenerentola” di Rossini in mondovisione, delle musiche di Umberto Scipione e del montaggio di Claudio Di Mauro.

Il film racconta la storia di un padre (Carlo Verdone, nel ruolo di Federico Picchioni) che, quando i figli sono ancora piccoli,si separa dalla moglie. Nel corso degli anni, grazie ad una brillante carriera in una holding finanziaria, non fa mancare nulla alla famiglia ma la sua totale assenza, sia affettiva che di persona, specialmente verso i  figli , è  imperdonabile. La morte della moglie e a seguire uno scandalo finanziario che lo riduce in rovina, cambieranno drasticamente la vita di Federico Picchioni. Non potendo più permettersi  di pagare l’affitto ai figli, questi si vedranno malvolentieri costretti ad andare a vivere con lui. La convivenza è terrificante e la prima a rimetterci è la compagna di Carlo, Gemma,  che, mal sopportando questa convivenza forzata con degli sconosciuti, nel giro di 48 ore fa le valige e  se ne va. L’arrivo di una nuova inquilina, Luisa (Paola Cortellesi), nell’appartamento accanto, giorno dopo giorno riesce invece ad avere un effetto positivo nei rapporti tra padre e figli. E’ simpatica, spiritosa e piena di buon senso e sarà lei ad appianare i violenti attriti tra i tre. Risanatrice di aziende e quindi “tagliatrice di teste” suo malgrado, scopriremo che Luisa  ha tanti problemi nella sua vita. Il suo carattere positivo e la sua generosità sono la sua forza. Quasi un riscatto dal “crudele” lavoro che svolge e che detesta. Come Luisa aiuterà Federico in tutti i suoi problemi, lui a sua volta aiuterà lei. Sembrano destinati ad una bella e solida amicizia. Ma la partenza dall’Italia dei figli di Federico li lascia soli. Resteranno amici o decideranno di fare un passo in più? Più probabile il tentativo di far nascere qualcosa di importante. Ci riusciranno?