Mille e una notte- Aladino e Sherazade: riassunto seconda puntata del 27 novembre 2012
novembre 28, 2012
L'amore riesce a trionfare, l'incanto è spezzato e Aladino riesce ad riabbracciare la sua Sherazade! Ecco il riassunto della seconda puntate della mini serie ispirata a Le Mille e una notte!

La notte seguente la Dama continua al Principe il racconto: Jasmine riesce a convincere Omar a risparmiare la vita a Sherazade.

Infatti, Jasmine dice a Omar che la ragazza è sua sorella, ma se riesce a salvarle la vita, non riesce, però, a risparmiarle le umiliazioni della schiavitù.

Aladino, intanto, ignaro dei poteri di Namuna, si lascia sedurre, ma quando si baciano, capisce che lui è ancora innamorato di Sherazade.

Namuna, furiosa per essere stata rifiutata, lo immobilizza con un magico anello e lo rinchiude in una gabbia in compagnia di un pappagallo parlante.

Ma niente è come sembra, infatti, il pappagallo è un Genio (Massimo Lopez), uno scienziato esperto di botanica che Namuna ha trasformato perché non volle svelarle dove era nascosta la lampada magica, in grado di rendere reali i desideri.

Aladino riesce a sottrarre l’anello a Namuna e a trasformarla in un corvo, e liberando anche il Genio dalla sua prigionia.

Nel frattempo Sherazade si offre di aiutare Omar a sciogliere l’indovinello della Montagna Incantata per ottenere il prezioso smeraldo.

Spera che Omar smetta di rubare e sia felice insieme a Jasmine, la principessa riesce a risolvere l'indovinello ed ottiene la gemma, ma quando questa finisce nella mani di Omar, la montagna scatena la sua furia.

Jasmine è in pericolo eOmar, a quel punto, si rende conto di amarla davvero e getta lo smeraldo per portarla in salvo.

Sherazade comprende che anche lei deve lottare per riconquistare Aladino e si mette in viaggio verso Baghdad.

Nel deserto, il Genio ha lasciato ad Aladino una mappa che indica il luogo dove è celata la lampada.

Giunto nel villaggio, Aladino scopre che gli abitanti sono in conflitto per l’oggetto e capisce una cosa molto importante: la nobiltà non è né un diritto di nascita né si può ottenere con la magia.

Ritrovata la lampada, Aladino la usa per aiutare il villaggio ad ottenere un bene prezioso, l’acqua. Gli abitanti del villaggio lo proclamano Principe e così Aladino riparte alla volta di Baghdad.

Sherazade e Aladino finalmente si ricongiungono e i due possono finalmente amarsi e riconquistare il regno, usurpato da Jafar e da Alissa.

Ma quando tutto per Aladino e Sherazade sta andando per il meglio, la Maga Namuna riappare scagliando contro i due giovani sposi una maledizione: i due saranno separati per sempre e Aladino non riconoscerà mai più la sua amata.

Il Genio però, conforta Sherazade: se i due un giorno sapranno ritrovarsi il loro amore rinascere.

Finito il racconto, il Principe chiede alla Dama se la storia sia davvero finita, la Dama annuisce e dice: “Dopo tanto vagare, Sherazade ritroverà il suo amore, ma lui non la riconoscerà e la ucciderà”. Esattamente come farà tra poco il Principe, ma inaspettatamente il Principe le svela il suo amore.

Il racconto della loro storia non ha fatto tornare la memoria al Principe, ma ha fatto rinascere in lui l’amore, ancora più forte e profondo del precedente sentimento.