L’isola: riassunto sesta puntata 23 dicembre 2012
dicembre 24, 2012
Ecco cosa è accaduto nella sesta puntata de L’isola, in onda domenica 23 dicembre 2012.

Luca (Marco Foschi), tornato all'Elba, viene intercettato e aggredito da Nikolai Kozak (Marcello Mazzarella) mentre si trova nella sua casa, in cerca di qualcosa che possa permettergli di recuperare la memoria.

Nel frattempo, Tara (Blanca Romero) si è rivolta ai carabinieri perché, dopo la morte del Tenente Arturo Rosi, fosse avviata un’indagine ufficiale. Ma come verrà a sapere dallo stesso Capitano Tebaldi, le indagini verranno archiviate per mancanza di prove, a meno che non venga coinvolto Adriano Liberato (Simone Montedoro).

Tara, che comincia a provare dei sentimenti per lui, decide di mentire e continuare a nasconderlo. E, quando Liberato si presenta sul molo, il comandante della Guardia Costiera decide di portarlo con sé e i suoi uomini nel batiscafo, per effettuare un sopralluogo e scoprire cosa sta succedendo in fondo al mare.

Tara e Adriano, rischiano di morire per la mancanza di ossigeno, ma grazie alle riprese effettuate, scopriranno la nascita di un vulcano sottomarino e la presenza di tubature sul fondale.

A Villa Amery, Leopold (Andrea Giordana) dà una festa in onore della figlia Vedrana (Irena Goloubeva) e a cui partecipa anche Tara. Luca s’imbuca alla festa per parlare con Amery, ma è costretto a fuggire e a nascondersi.

Così chiede aiuto a Elena (Alexandra Dinu), che non fidandosi della madre Vera, trova un rifugio a Luca.

Tara e Adriano passano la notte insieme ma una volta a casa, la ragazza trova una lettera di Luca: è ancora vivo. In realtà si tratta di una trappola: è stato Kozak a scriverla, nella speranza che il comandante Riva lo porti da Bottai…

Nel frattempo, Vera, seguendo Cristina, scopre dove si trovano Elena e Luca: la donna vuole consegnare Bottai ad Amery pur di salvare la vita di sua figlia.