L’isola: riassunto decima puntata 14 gennaio 2013
gennaio 15, 2013
Ecco un breve riassunto di ciò che è accaduto nella decima puntata de L'isola, in onda lunedì 14 gennaio 2013.

Tara (Blanca Romero) accompagna Adriano (Simone Montedoro) al suo nascondiglio, ma che non è lo stesso di Luca: è meglio che stiano separati al momento, è più sicuro per entrambi. Ripensando però alle parole di Kozak, Liberato decide che non può starsene con le mani in mano: ha meno di 72 ore per salvare la vita di Tara. E decide di fuggire.

Elena (Alexandra Dinu) scopre che sua madre, sapendo di essere in pericolo,  le ha lasciato delle tracce perché scopra la verità.

Vedrana (Irena Goloubeva) convince il padre Leopold (Andrea Giordana) che può fidarsi di lei: Marcello è morto per niente e lei è stanca di vivere all’Elba: vuole tornare a Londra, studiare, e fare il suo stesso lavoro. La ragazza che però in realtà teme il padre, chiede l’aiuto di Sebastiano (Alessandro Borghi).

Tara decide di incontrare la moglie di Fausto Ghirlanda, convinta che l'ufficiale non si sia suicidato. La donna le consegna una chiave di una cassetta di sicurezza.

Amery porta sua figlia ad un incontro con gli azionisti della EnergySeaLine. Qui Vedrana riconosce Kozak (Marcello Mazzarella).

Tara porta Adriano da Luca. Rimasti da soli, Liberato mette al corrente Luca dell’avvelenamento di Tara e l'uomo decide di consegnarsi.

Elena scopre e comunica a Tara che sulla piattaforma in Tunisia qualcuno disattivò il sistema di allarme prima dell’esplosione e sembra che sia stato proprio Luca. Ma né Tara né Adriano credono che possa aver fatto una cosa del genere.

Amery porta Vedrana alla base sottomarina della EnergySeaLine, il centro delle attività estrattive.

Luca ferisce Tara volutamente per allontanarla da sé prima di consegnarsi, sebbene, come rivela ad Adriano, non ricordi nulla delle ricerche sul fluido stabilizzatore che stava seguendo.

Il capitano Tebaldi (Angelo Maggi) porta a Tara ciò che ha trovato nella cassetta di Ghirlanda: tra i documenti, una foto di Leopold Amery con un funzionario dei servizi segreti egiziani, lo stesso che avvertì il tenente Arturo Rosi delle attività della EnergySeaLine. C’è lui dietro alla morte dei due ufficiali della marina.

Sebastiano dice a Vedrana di aver scoperto che qualcuno ha azzerato la memoria del computer di Marcello. Ma nel suo sono rimaste delle tracce, comprese le coordinate del posto in cui doveva recarsi il giorno in cui è scomparso. Ed è lì che andranno insieme. Se accadrà loro qualcosa, Tara Riva verrà a cercarli: a lei Vedrana ha scritto una lettera raccontandole tutto.

Le attività sismiche aumentano e si intensificano dunque Tara decide di avvertire l’ammiraglio De Riso (Massimo Wertmuller).

Tara ha un malore ed Eleonora (Lidia Cocciolo) la porta in ospedale, dove Emanuela (Eleonora Vanni) capisce che è stata avvelenata ed è in pericolo di vita.

Prima di consegnarsi, Luca si fa mettere un microchip sottocutaneo per poter essere rintracciato da Adriano, una volta che sarà nelle mani di Kozak.

Amery si presenta al Circo Mare da Tara, che gli dice subito di essere stata avvelenata: lui dovrebbe saperlo già però. Poi gli mostra le foto di lui con il funzionario dei servizi segreti egiziani e quella di Kozak, l’uomo che l’ha avvelenata, che Amery però nega di conoscere. Tara però non ha le prove per incastrarlo, ma vuole che ricambi il favore che le deve: è vero che Luca ha mandato a morire tutti i suoi colleghi della piattaforma? No, gli assicura Amery, Luca sarebbe morto per salvare la vita dei suoi colleghi.

Tara corre al nascondiglio di Luca per dirgli la verità, ma lui e Adriano sono già andati via…