Il Vampiro: storie di sangue e solitudine in Buffy, The Vampire Diaries e Being Human
giugno 4, 2012
Sguardo tenebroso, carnagione diafana, camminata sinuosa: queste sono soltanto alcune peculiarità delle creature che affascinano molti, in particolar modo i teenager: ci riferiamo ai vampiri. Da Buffy a Being Human!

l loro periodo d’oro sembra intramontabile, popolano da sempre le luminose tenebre di libri, film e telefilm. Ma come si spiega questo brulicare di creature più o meno infernali, questa aura che li avvolge ed attira?

In un periodo in cui ritornano al cinema, grazie alla saga di Twilight, lupi mannari e bei vampiri che dal crepuscolo fino allo spuntare della luna piena riempiono le fantasie dei fan di tutto il mondo, non possiamo dimenticare che la comparsa di questa creatura nelle nostre vite è ben più antica.

Il 1897 è l’anno nel quale viene pubblicato il romanzo Dracula di Bram Stoker che ha dato l’avvio a fortunatissimi rifacimenti cinematografici e ha permesso la comparsa nei telefilm di questi possessori di canini acuminati.

Uno dei telefilm più famosi è senza ombra di dubbio Buffy l’ammazzavampiri. Nei panni della Cacciatrice, Buffy Summers, troviamo la bellissima Sarah Michelle Gellar che tra un colpo di paletto nel cuore e una testa fatta saltare via (ben note modalità per uccidere un vampiro, oltre alla esposizione ai raggi solari) non rimane immune al fascino dei non morti.

Nelle prime serie assistiamo alla travagliata storia con Angel, il vampiro maledetto, che dopo centinaia d’anni di atrocità per mano di una zingara avrà restituita l’anima, punizione terribile per un vampiro.

La privazione della coscienza, l’assenza della sofferenza per sbagli ed errori commessi: questo è un elemento che attira l’essere umano quando si sente schiacciato dal peso delle proprie azioni. La sonnolenza del pensiero critico e l’esplosione incontrollata di istinti viscerali viene cercata e trovata in queste creature, che costituiscono la parte più oscura dell’animo umano, parte della quale non possiamo fare a meno senza sentirci incompleti.

La vicenda di Spike, che per amore di Buffy supera terribili prove per riavere l’anima, ci ricorda che non si vive di solo istinto, che la sofferenza fa parte dell’amore, non solo dimostra il sentimento, ma serve per essere veramente completi: unione di corpo ed anima.

Dotati di una forza fuori dal comune di poteri che i mortali possono solo immaginare, hanno una natura semidivina possedendo il dono dell’immortalità ed una bellezza immutabile. Eterni adolescenti che hanno attraversato i secoli e che con le loro azioni hanno cercato di lasciare un indelebile segno del loro passaggio, quasi sentendo sulla pelle fredda la paura di scomparire nel tempo.

Emozioni molto umane che hanno ben poco di divino, se ci guardiamo dentro. A questo punto non ci stupisce la grande popolarità dei signori delle tenebre, popolarità che emerge anche nel mondo di Buffy dove vi sono umani che aspirano ad essere iniziati ai misteri dei succhia sangue.

E la lista delle serie tv che hanno subito la fascinazione dei vampiri sono lunghe da The Vampire Diaries, nella quale viene raccontato il triangolo amoroso tra Stefan, Elena e Damon, o Being Human, serie dove si riflette molto di più sulle due nature che convivono nel corpo del vampiro protagonista, diviso tra il richiamo del sangue e il suo desiderio di non aver perso la sua parte umana, destinata alla condanna infernale.

Fuori da facili riflessioni sulla crudeltà ed efferatezza di queste creature, non possiamo non far emergere che vi è qualcosa di molto più complesso. Il morso sul collo non è altro che un estremo tentativo di legare tra di loro gli esseri viventi: si cerca e si prende il sangue dell’altro perché senza non si può vivere, senza l’unione profonda con qualcuno la vita, anche una vita immortale appare vuota. È uno scambio primordiale, una ricerca di vicinanza e comunione quasi mistica con l’altro, che richiama la paura primordiale che da sempre ha accompagnato l’uomo: il rimanere soli nelle tenebre.

Se questo post ti è piaciuto e vuoi essere sempre aggiornato su tutte le novità delle migliori serie tv, seguici su twitter: @Tvpuntate e su Facebook: I Love Serie Tv