Centovetrine: riassunto puntata mercoledì 5 giugno 2013
giugno 5, 2013
Brando innamorato di Serena? Ecco il riassunto della puntata di oggi!

Serena incontra Brando a Centovetrine e gli dice della sua scelta di lasciare Torino: non c'è più nulla che la trattenga e ha bisogno di tranquillità. È la cosa giusta da fare, anche per lui e Viola, perchè la smettano di litigare a causa sua.

Cecilia chiede aiuto a Carmen perché trovi i biglietti del concerto a cui Milo sembra tenere così tanto: come scopriremo, ci sarà una persona che deve assolutamente vedere.

Dopo la conversazione con Serena, Brando è nervoso e tratta male alcuni dei suoi clienti, lasciando Viola senza parole.

Dato che neanche Carmen è riuscita a trovare i biglietti, Cecilia decide di fare un ultimo tentativo…

Diana riceve un biglietto da Viola: l’appuntamento con Jacopo è per stasera. Poi arriva Ascanio che le dice che intende aiutarla a trovare suo marito perché non vuole più vederla soffrire.

Cecilia si presenta con Milo a casa di Damiano per chiedergli un favore, dato che il concerto sarà nel locale in cui lavora. Dopo averla trattata male, Bauer ci ripensa e le dice che vedrà cosa può fare...

Tornato a Serralunga per stare un po’ da solo, Brando ripensa a Serena...

Damiano fa entrare Cecilia e Milo in discoteca anche senza biglietto.

Serena raggiunge Viola e scopre che Brando non le ha detto della sua partenza…

Ascanio, con la voce camuffata, avverte Valerio che Jacopo Castelli incontrerà Diana in un cotonificio alle porte di Torino.

Alla fine del concerto, Cecilia chiede a Damiano di guardare Milo mentre lei va a prendere la macchina. Ma quando Bauer si distrae un momento per dare delle informazioni, il ragazzino si allontana.

Diana si presenta all’appuntamento con Jacopo ma l’arrivo della polizia li sorprende. Ascanio però arriva in moto e porta via Castelli.

Brando torna a casa e si scusa con Viola per il suo comportamento ma la moglie gli dice che sa perché ha perso la testa: ha paura di perdere Serena perché è innamorato di lei, non è così?