Centovetrine: riassunto puntata 2 maggio 2013
maggio 2, 2013
Serena convince Damiano a costituirsi ma è troppo tardi: Cecilia lo ha denunciato. Sebastian decide di affrontare Laura e Margot...

In carcere, Oriana spiega a Carol che il suo colloquio con Corradi è stato annullato

Sebastian non riesce a credere che Margot si sia licenziata ma la ragazza insiste: è tornata perché il suo posto è accanto a lui e che riuscirà a fargli dimenticare Laura se solo gliene darà la possibilità. Castelli le dà allora appuntamento a casa sua.

Serena si presenta a casa di Damiano per dirle che Cecilia le ha detto lì tutta la verità: adesso deve fare la cosa giusta perché sua sorella non deve pagare per i suoi errori.

Sebastian si presenta in ufficio da Laura per chiederle un favore...

Damiano vuole che Cecilia continui a mentire per non compromettere la sua carriera: non perderà il lavoro per colpa di un criminale come Zanasi. Ma Serena gli chiede di renderla ancora una volta orgogliosa di lui…

Oriana chiama Ivan,  preoccupata che gli sia accaduto qualcosa.

Ripensando alle parole di Jacopo, Diana si avvicina ad Ascanio ancora in possesso di un portatile che dice di aver trovato nei bagni di Centovetrine e che consegna ad un agente di vigilanza...

Daniela mette in guardia Margot da Sebastian ma la figlia è decisa ad andare a Villa Castelli.

In commissariato, Damiano si scusa con Cecilia e le dice che ha intenzione di rimediare: racconterà ogni cosa e si assumerà tutte le responsabilità di quello che è accaduto. Cecilia, in lacrime, gli dice che è arrivato troppo tardi: l’ha appena denunciato lei.

Margot arriva a Villa Castelli e pochi minuti dopo arriva anche Laura: Sebastian vuole parlare ad entrambe. Rivolgendosi a Margot le dice di non averla mai amata e che tra loro è stato solo sesso. Al contrario, è Laura che ama e che vuole sposare.

Valerio sospende Damiano dal corpo di polizia, fino a data da destinarsi, e gli chiede di consegnare distintivo e pistola.

Oriana raggiunge Ivan a casa e gli dice che tra loro finisce lì...