Centovetrine: riassunto della puntata del 7 marzo, in onda su Canale 5
marzo 8, 2012
Ivan affronta Diana, convinto che abbia una relazione con Jacopo. Prosegue il confronto tra Serena e Zanasi, mentre Ettore e Carol danno il via al nuovo progetto editoriale del Gruppo Ferri.

E’ un giorno importante a Centoverine: è giunto finalmente il momento per Laura e Sebastian di dare il via al torneo di poker organizzato per incastrare Cristiano.

Brando, deciso a non appoggiare il fratello in questa ennesima prova di incoscienza, verrà invece spinto da Viola a riflettere su quanto invece Cristiano abbia bisogno del suo appoggio in un momento così difficile.

Ivan non riesce a sopportare la visione di quello che sta accadendo nello studio di Diana e, furioso, spegne il computer. Non vedrà quindi che Diana respinge le avances di Jacopo, ribadendo i suoi sentimenti per Ivan. I due complici restano però convinti del loro progetto ai danni di Ettore e proseguono con il loro piano per la scalata al Gruppo. Questo prevede infatti le dimissioni della donna dalla presidenza della Fondazione e la richiesta al padre di intestarle le quote della holding, che con quelle di Jacopo, permetteranno loro di accedere direttamente alla presidenza del gruppo.

Diana dunque mente a Ettore, preoccupato invece che la figlia non l’abbia mai del tutto perdonato, e giustifica le sue dimissioni dicendo di non sentirsi all’altezza dell’incarico dopo quanto è accaduto in Algeria. Una volta rientrata a casa, Diana s’imbatte nella furia di Ivan che la aspetta con in mano le prove del suo tradimento.

Nel frattempo il consiglio di Amministrazione ha approvato il nuovo progetto editoriale di Carol. Ettore le comunica la buona notizia e la Grimani esulta entusiasta per il lancio della rivista “Cento”.

Continua il confronto di Serena con Zanasi, deciso a servirsi della donna per rovinare il commissario Bauer. Cecilia, che assiste da lontano all’incontro dei due, è preoccupata dalla più che visibile rabbia della sorella e avverte Damiano.