Being Human: Aiden Turner Vs Sam Witwer
maggio 10, 2012
La loro sorte è legata allo stesso personaggio della serie Being Human, ma Turner e Witwer sono attori molto diversi. Ciò che li unisce, li divide!

Giovedì 10 maggio è andato in onda il settimo episodio, dal titolo “Ciò che li unisce”, di Being Human, seconda stagione, versione americana.

Nell’episodio sono successe molte cose, il ritorno di Nora, l’uccisione di uno dei gemelli licantropi, la scoperta che l’ombra che tormenta Sally è un Mietitore, ma questa puntata è stata il pretesto ideale per vedere cosa unisce e cosa divide i due attori che hanno dato il volto al vampiro protagonista nelle due versioni della serie.

Aiden Turner è nato in Irlanda e fin da ragazzino ha dimostrato di essere molto portato per il mondo dello spettacolo, tanto da decidere di frequentare la Gaiety School of Art. Dopo una lunga gavetta in molte serie televisive,  militando come semplice comparsa in The Tudors, ha avuto la grande occasione con una parte da protagonista in Desperate Romantics, una serie ancora inedita in Italia. La vera svolta per Turner è stato il ruolo da protagonista in Being Human, la serie creata da Toby Whithouse, che ha visto la luce nel 2009, ma forse non è il caso di dirlo visto che lui interpreta un vampiro!

Con il suo sguardo tenebroso ed enigmatico, Aiden Turner si è rivelato un ottimo John Mitchell, il vampiro con una coscienza che tenta in ogni modo di non far prevalere la propria parte animalesca. Sarà il fascino del vampiro, ma poche donne sono riuscite a resistergli.

L’attore possiede un’aura particolare che ben si sposa con la natura ambivalente del suo personaggio, diviso tra l’istinto e la ragione. Alla fine della terza stagione di Being Human il personaggio è uscito di scena in modo memorabile, chiedendo all’amico George di ucciderlo con un paletto nel cuore!

Per il web imperversano gli omaggi dei fan:

John Mitchell [Aidan Turner] Being Human

Se non vedremo più Turner nei panni del vampiro poco male, perché l’attore è deciso a fare un viaggetto nella Terra di Mezzo. Infatti, Peter Jackson l’ha scelto come membro della compagnia di nani che accompagnerà Bilbo nel viaggio alla ricerca dl tesoro del drago, nel film Lo Hobbit- Un viaggio inaspettato, che uscirà quest’anno.

Aidan Turner darà il volto al nano Kili, uno dei due nani più giovani della compagnia, al suo primo importante viaggio, come del resto anche per Turner, Lo Hobbit, è la prima esperienza decisiva sul grande schermo. Non ci resta che aspettare!

Il volto del vampiro di Being Human, versione americana, è quello di Sam Witwer, che ha una storia molto diversa da Turner, anche se interpreta il suo stesso personaggio nella serie, lo fa decisamente in maniera meno convincente del suo collega inglese.

Una vita da guest star si potrebbe definire quella di Sam, che ha fatto la sua apparizione in moltissime serie tv da E.R.- Medici in prima linea a CIS, passando per JAG, Dexter, Bones. Ma il vero successo lo ottiene solo dopo Battlestar Galattica e Smallville, ma soprattutto per aver dato il volto a Starkiller, il protagonista dei due videogiochi Star Wars: il potere della forza.

Sarà un vizio di forma dell’intero remake, ma come vampiro Witwer appare meno convincente non avendo quel sex appeal necessario a far affezionare i fan della serie originale. Diciamolo apertamente, la storia la fanno i personaggi,  se loro funzionano anche tutto il resto ha una marcia in più, senza nulla togliere agli altri due protagonisti.

Turner e Witwer, ciò che li unisce è un personaggio che è entrato nell’immaginario collettivo e che insieme a tutti gli altri vampiri che fanno parte del mondo delle serie tv ha contribuito a costruire un universo a parallelo fatto di sangue, pulsioni e desiderio di essere compresi nel modo più profondo e simbiotico, ma ciò che li divide è, ahinoi, ancora più grande!

Se questo post ti è piaciuto e vuoi essere sempre aggiornato su tutte le novità delle migliori serie tv, seguici su twitter: @Tvpuntate e su Facebook: I Love Serie Tv